sabato 4 agosto 2018

Memoria e comunicazione

Quando assisto alla facilità vertiginosa con cui degli adolescenti, anzi dei bambini, si impadroniscono di nuovi gadget, della maestrìa con cui manovrano i tasti, i pulsanti, deputati alle più complesse operazioni, mi chiedo fino a che punto questa immane espansione delle conoscenze segnaletiche e informative vada a scapito dei faticosi sentieri della memoria e di quelli - un tempo beati - della fantasia creatrice.

Gillo Dorfles (1910-2018)

L'umanista che ha osservato il mondo per 107 anni, con uno sguardo attento e ironico